Le Motivazioni del TAR 

Che il TAR di Catanzaro avesse respinto la istanza di alcuni apicoltori Calabresi, era notizia nota già da qualche giorno.

Le motivazioni del respingimento si possono ora leggere nella sentenza allegata e risultano particolarmente interessanti.

Vediamo su cosa si basava la richiesta dei “neo professionisti” ricorrenti.

1.     l’Ordinanza n° 94 della Regione Calabria non aveva i presupposti giuridici (fumus boni iuris) per gli abbattimenti degli apiari.

2.     Non vi erano i presupposti tecnici per bruciare gli alveari (tecniche alternative di contenimento).

3.     Si procurava un danno economico agli apicoltori ed al territorio non giustificato.

4.     La strategia di eradicazione era inutile.  

Il TAR ha respinto la richiesta con le seguenti motivazioni: 

1.     Nell’Ordinanza 94 ci sono tutti i presupposti giuridici.

2.     Non vi sono valide alternative all’abbattimento degli alveari.

3.     Il danno economico – con i previsti indennizzi agli apicoltori – è secondario rispetto alla salvaguardia del patrimonio apistico Regionale e Nazionale.

4.     La strategia di eradicazione ha dato, sinora, risultati positivi. 

A questo punto sarebbe facile commentare “La FAI e FAI-Calabria hanno sempre sostenuto che il ricorso presentato sarebbe stato inutile”,  ci limitiamo ad affermare che i danni alla nostra apicoltura, in questo momento di contingenza sanitaria, provengono da coloro che intralciano e ritardano l’operato legittimo di quanti non vogliono la presenza dell’Aethina negli alveari. 

Vi invito ad essere orgogliosi di far parte della Federazione Apicoltori Italiani, di sostenere la FAI e FAI-Calabria nelle azioni di salvaguardia e sviluppo dell’apicoltura regionale ed Italiana e a chi vi invita a partecipare ad iniziative illegali o non chiare di rispondere..

”NO, GRAZIE! IO FACCIO PARTE DELLA FAI”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Informazioni aggiuntive